Ghost of Tsushima alimenta il turismo: quando un videogioco va oltre l’intrattenimento

Ghost of Tsushima: Sucker Punch annuncia la data di lancio ...

Di Capitan Vintage

Si sa, nonostante molte critiche suscettibili, il contesto videoludico ha raggiunto traguardi artistici così importanti che ha tutto il diritto di farsi definire ottava arte, come già alcuni osano definirlo. Ed in alcuni casi, i videogame hanno ricostruito così fedelmente luoghi realmente esistenti da spingere migliaia di persone a visitarle in prima persona (come per esempio Assassin’s creed 2, che convinse molti, me compreso, a visitare città come Firenze e Monteriggioni).

Difatti Ghost of Tsushima, prodotto dai ragazzi di Sucker Punch Productions (quelli di Infamous per intenderci), ha fatto esplodere ai molti fan la voglia incondizionata di incuriosirsi nei confronti dell’omonima isola giapponese, situata nello stretto di Corea ed incorporata alla prefettura di Nagasaki. Ma a dirla tutta, persino la suddetta prefettura non si è lasciata perdere una ghiotta occasione.

Panorama godibile nel videogame
Il vero tempio di Watadumi

Cliccando qui, potrete raggiungere rapidamente la pagina del sito della prefettura dedicata all’isola di Tsushima, dove potrete godere appieno delle molteplici immagini mozzafiato del videogioco uscito di recente e paragonandole agli originali luoghi ivi presenti, raccontando, anche grazie ad illustrazioni locali del 1274 (in piena invasione Mongola), quanto ci sia di davvero magnifico anche nel mondo reale. Ed oltre ai panorami il suddetto sito ci mostra usi e costumi, cibo, attività ed interventi fatti dagli stessi game designer, accumulando sempre più curiosità per attirare nuovi turisti.

Non c’è molto da dire; scelte commerciali come queste, di quelle che aiutano nobili cause come quelle del turismo, non possono far altro che strapparci un bel sorriso. E magari, portafoglio permettendo, ci fanno venir voglia di preparale le valige, prendere l’aereo e godersi alcuni tra i panorami più mozzafiato dell’intero Giappone.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *